Rete dei Sentieri

Un sentiero degli Aurunci (Foto di Antonio Tedeschi)
In tutto il territorio del Parco Naturale dei Monti Aurunci si estende una rete di tratturi che collegano le varie zone del Parco che, anticamente, erano abitate dalle comunità di pastori locali dedite alle attività economiche agro-silvo-pastorali tipiche dell’ambiente montano.

I percorsi montani erano il collegamento più breve per le attività commerciali tra la costa e la zona interna, spesso utilizzati come via di passaggio dei monaci benedettini che raggiungevano l’abbazia di Montecassino.

La rete di sentieri attualmente in uso si sviluppa per oltre 100 km e consente di visitare il gruppo montuoso in tutta la sua estensione utilizzando proprio i tracciati di un tempo. I sentieri proposti dal Parco, sono dotati della tipica nomenclatura e segnaletica bianco rossa del Club Alpino Italiano, o in taluni casi realizzata dai Comuni.

L’Ente Parco al fine di consentire una serena percorrenza dei tracciati ha realizzato due utili guide ricche di informazioni, fotografie, schede tecniche e consigli utili per chi con gli scarponi o sui pedali, voglia scoprire il territorio dei Monti Aurunci.

Oltre ai tracciati da percorrere a piedi, il Parco possiede anche itinerari per gli appassionati della Mountain bike, circa 480 km che girano in lungo e in largo il territorio, attraversando luoghi d’interesse naturalistico o di grande suggestione, spesso percorrendo i centri storici dei Comuni dell’Area Protetta.

L’eterogeneità dei tracciati permette una gran quantità di scelte, infatti, si passa dalle verdi praterie da percorrere durante una bella escursione domenicale a difficoltà tecniche come single-track da non sottovalutare, o salite che con il 25% di pendenza possono mettere a dura prova anche gli sportivi più accaniti.

I percorsi a piedi nel Parco dei Monti Aurunci

Scarica le tracce GPX

904 – Anello piana di S. Onofrio.gpx
905 – Canale del Tasso – Monte Faggeto.gpx
906 – Rifugio Ranucci – Monte Faggeto.gpx
913 – Masseria Santilli – Monte Petrella.gpx
913b – Cese di Oglio – Monte Petrella.gpx
913c – Fontana di Canale – Monte S.Angelo.gpx
914 – Selvacava – Monte Fammera.gpx
915 – Fraile – Monte Petrella.gpx
915b – Fraile – Rifugio Pornito.gpx
915c – Piana di Polleca – Forc.lla di Fraile.gpx
917 – La Valle di Itri – Monte Orso.gpx
918 – Le Crocette – Monte Appiolo.gpx
918b – Le Crocette – Rifugio Appiolo.gpx
918c – Taverna – Rifugio Appiolo.gpx
919 – Serra Saglione – Monte Vele.gpx
919b – Le Crocette – La Ripa.gpx
920 – La Valle di Itri – Monte Ruazzo.gpx
923 – Piana di S. Andrea – Chiesaa di S. Maria Romana.gpx
925 – Via Appia Antica.gpx
949 – Contrada Raino – Santuario Madonna della Civita.gpx
950 – La Valle di Itri – Monte Trina.gpx
951 – La Valle di Itri – Monte Revole.gpx
952 – Passo San Nicola – Monte Trina.gpx
953 – Passo San Nicola – Monte Viola.gpx
954 – Loc. Acerbara – Monte Tuonaco.gpx
955 – Rifugio Acquaviva – Monte Tuonaco.gpx
956b – Fosso di Fabio – Sella di Monte Viola.gpx
957 – Rifugio Portella – Monte Revole.gpx
958 – La Valle di Itri – Monte Viola.gpx
959 – Forcella di Fraile – Monte Revole.gpx
960 – Rifugio di Pornito – Cima del Redentore.gpx
961 – Rifugio di Pornito – Monte S.Angelo.gpx
962 – Rifugio Pornito – Monte Petrella.gpx
963 – Polleca – Monte Petrella.gpx
963b – Cisterna Cupa – Monte Forte.gpx
963c – Cisterna Cupa – Campo di Venza.gpx
967 – Loc.Tasso – Monte Forte.gpx
967b – Guado del Faggeto – Monte Belvedere.gpx
968 – Biviano – Monte Petrella.gpx
968b – Rifugio La Valle – Loc- Cisternole.gpx
969 – Spigno Vecchio – Monte Fammera.gpx
970 – Valle Gaetana – Monte Fammera.gpx

Scarica l’elenco tracce in formato.pdf
Scarica tutte le tracce GPX in formato compresso

Si ricorda che l’utilizzo di strumenti elettronici non garantisce una maggiore sicurezza nel percorrere i sentieri, e non può in nessun caso sostituire l’esperienza dell’escursionista. L’utilizzo delle tracce gps non comporta alcuna responsabilità per l’Ente Regionale Parco dei Monti Aurunci in caso di problemi o infortuni incorsi durante l’attività escursionistica, quali quelli insiti nell’ambiente montano.