Back To Top

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5
.

PARCO DEI MONTI AURUNCI

ospit

offerta

per i piu piccoli

Il PARCO


VISITARE IL PARCO

GALLERY

banner vivaio

logo montecassino 100

parchilazio

Incendi Parco Aurunci 29 ago 2017Il vasto fronte di incendi che sta investendo la regione Lazio da alcune settimane sembra non arrestarsi. Le aree naturali protette sono tra le prime "vittime", vaste porzioni di aree protette continuano a bruciare. Da stamattina è in corso un vasto incendio in un'area nel Comune di Campodimele interessando anche aree del Parco degli Aurunci.  Una situazione drammatica che sta generando preoccupazione per gli effetti negativi sul territorio e l'ambiente.

"Da alcune settimane anche il Parco degli Aurunci è sotto attacco – commenta il Presidente Michele Moschetta - gli incendi si ripetono in sequenza, dopo quelli delle ultime settimane che hanno lambito persino le abitazioni civili, come nel caso di Sessa Aurunca registriamo oggi un incendio a Campodimele ed uno nel Comune di Esperia".
"Il servizio antincendio del Parco è intervenuto immediatamente per contenere il fronte del fuoco coordinando, successivamente, la propria azione con quella dei vigili del fuoco e dei carabinieri.

"Attualmente - conclude il Direttore Giorgio De Marchis - l'incendio nel Comune di Campodimele è sotto controllo, i Vigili del Fuoco stanno valutando le azioni di bonifica al fine di evitare la ripresa delle fiamme. L'azione di spegnimento e di controllo delle fiamme è stata senz'altro agevolata dall'intervento dell'elicottero antincendio che in situazioni di emergenza ha potuto pescare l'acqua nel vicino invaso in località "Vecchio Mulino" a Campodimele, realizzato dal Parco degli Aurunci.

La realizzazione degli invasi nei comuni di Campodimele ed Itri, rappresenta un elemento strategico che potrà consentire in futuro interventi rapidi ed efficaci per spegnere e controllare incendi in territori orograficamente complessi.


L’Ufficio Stampa
del Parco dei monti Aurunci

Con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Lazio T00131 del 28 luglio 2017 è stato nominato il nuovo Direttore del Parco dei Monti Aurunci, dott. Giorgio De Marchis, che in data 10 agosto ha ufficialmente assunto l’incarico salutando tutto il personale dell’Ente.

Artigiani al museoAd Esperia (FR) dal 12 al 19 agosto 2017, presso il Museo del Carsismo di Palazzo Spinelli, si svolgerà "Artigiani al Museo", una Mostra realizzata dall’Associazione Arte e Mestieri - Amici del Golfo.

La mostra propone un'esposizione con installazioni artistiche artigianali, dove verranno allestite opere e manufatti di artisti che lavorano con materiali di recupero, dalla carta e filati alle argille e metalli.

Orari di apertura:

Sabato 12 agosto: ore 17-22
Lunedì 14 agosto: ore 9-14
Mercoledì 16 agosto: ore 9-14
Giovedì 17 agosto: ore 17-22
Venerdì 18 agosto: ore 9-14
Sabato 19 agosto: ore 17-20.

PROCEDURA PER L'ALIENZAZIONE DI MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE DI PROPRIETA' DELL'ENTE PARCO DEI MONTI AURUNCI -NR. 1 LOTTO: MACCHINA OPERATRICE SEMOVENTE MODELLO CAMA SARA 26/L - TARGA ABC446.

IN RIFERIMENTO ALLA DETERMINAZIONE N.180 DEL 03/07/2017, IL DIRETTORE DELL'ENTE DA' ATTO CHE LA SEDUTA PUBBLICA PER L'APERTURA DEI PLICHI PERVENUTI VERRA' EFFETTUATA IL GIORNO 04/07/2017 ALLE ORE 10.00 PRESSO LA SEDE LEGALE DELL'ENTE IN VIALE GLORIOSO, SNC - 04020 CAMPODIMELE (LT).

ortoterapia monticelli di Esperia“Il Parco dei monti Aurunci è pieno di vita e il progetto di Ortoterapia sociale inaugurato a Monticelli di Esperia lo dimostra. La Regione vi sarà vicina perché non sia solo un esperimento, ma abbia un futuro che valorizzi le biodiversità e le risorse giovanili”: l’assessore regionale all’Ambiente Mauro Buschini ha salutato così il programma presentato dal Presidente del Parco regionale Michele Moschetta, al taglio del nastro, benedetto da don Stanislao, insieme al sindaco Giuseppe Villani.

Alla presenza di diversi amministratori del territorio, i rappresentanti delle aziende che daranno ai loro ospiti la possibilità di diventare protagonisti della cultura inclusiva “dell’orto per tutti” (le Comunità Terapeutiche “Le Palme e gli Oleandri” di Sant’Elia Fiumerapido, la comunità “Insieme” di Santi Cosma e Damiano, “Marika” di Minturno e “Villa Lucrezia” di Castrocielo, rappresentate rispettivamente da Fabio Fionda, Erminia Anelli, Giuseppe Ionta e Pierluigi Rea).

Il programma è finanziato da un investimento di “soli” diciottomila euro accantonati dal Parco stesso, frutto del risanamento economico dell’ente operato negli ultimi due anni: “Sono molto orgoglioso di presentare questa iniziativa, in cui credo molto”, ha detto Moschetta.

Si avvale della collaborazione del Consorzio dei Servizi Sociali del Cassinate, con cui il Parco ha siglato un protocollo d’intesa un mese fa, della Asl di Frosinone, della Regione Lazio – Assessorato Ambiente e delle strutture.

L’idea progettuale, concretizzata dalla dottoressa Sonia Colatosti, prevede che gli ospiti si occupino degli orti della tenuta del Parco dei monti Aurunci a Monticelli, assistiti da personale qualificato, svolgendo mansioni di semina e raccolta dei frutti e dei fiori, diventando protagonisti di un progetto finalizzato alla promozione della cultura dell’integrazione sociali.

Il Presidente del Parco regionale dei monti Aurunci, Michele Moschetta, presenta ufficialmente il progetto sperimentale “Ortoterapia: coltivare la terra per coltivare se stessi”, un’iniziativa pilota di Ortoterapia sociale che sarà avviata nella tenuta del Parco nella frazione di Monticelli nel comune di Esperia.
L’inaugurazione avverrà in occasione della conferenza stampa indetta per sabato 24 Giugno 2017, alle ore 17,30, nella tenuta del Parco nella frazione di Monticelli nel comune di Esperia.
Prevista la partecipazione delle autorità militari, civili e religiose e delle istituzioni locali e sovra comunali. Seguirà un momento conviviale.

In linea con i fini istituzionali dell’ente Parco, quali il recupero e la sviluppo di specie orticole e fruttifere antiche, la promozione di attività di educazione e formazione interdisciplinare rivolte a tutta la popolazione e la valorizzazione delle risorse umane attraverso misure integrate che sviluppano la valenza economica ed educativa delle aree protette, la realizzazione dell’orto sociale, fortemente voluta del presidente Moschetta che ha seguito da vicino tutte le fasi, è indirizzata alla conservazione e valorizzazione della biodiversità orticola del territorio aurunco e al contempo all’attivazione di un percorso terapeutico di integrazione sociale volto a  migliorare le condizioni di vita psicofisiche ed educative degli ospiti delle comunità terapeutiche del territorio circostante.

Il programma è finanziato da un investimento di “soli” diciottomila euro accantonati dal Parco stesso, frutto del risanamento economico dell’ente operato negli ultimi due anni.

Si avvale della collaborazione del Consorzio dei Servizi Sociali del Cassinate, con cui il Parco ha siglato un protocollo d’intesa un mese fa, della Asl di Frosinone, della Regione Lazio – Assessorato Ambiente, delle aziende che daranno la possibilità di diventare protagonisti della cultura inclusiva “dell’orto per tutti” (le Comunità Terapeutiche “Le Palme e gli Oleandri” di Sant’Elia Fiumerapido, la comunità “Insieme” di Santi Cosma e Damiano e “Villa Lucrezia” di Castrocielo).

L’idea progettuale, concretizzata dalla dottoressa Sonia Colatosti, psicologa e psicoterapeuta presso la struttura residenziale “Le Palme e gli Oleandri” di Sant’Elia Fiumerapido, nasce dalla considerazione dei notevoli vantaggi che tutti, giovani e anziani, disabili e normodotati, possono trarre da un metodo di inserimento sociale innovativo che affianca la medicina tradizionale e rappresenta il proseguimento delle attività riabilitative.
Prendersi cura delle piante e stare a contatto con la natura, infatti, stimola la motricità, migliora la capacità di apprendimento, rafforza l’autostima e favorisce la socializzazione.
Gli ospiti che si occuperanno degli orti della tenuta del Parco dei monti Aurunci a Monticelli, assistiti da personale qualificato, svolgeranno mansioni di semina e raccolta dei frutti e dei fiori, diventando protagonisti di un progetto finalizzato alla promozione della cultura dell’integrazione sociale, attraverso la valorizzazione delle risorse del territorio.

Alla fine del percorso, sarà elaborato un report dei risultati ottenuti, quantificabili come dati statistici, che saranno messi a disposizione per rendere strutturale e replicabile il progetto e sperimentare una modalità di lavoro applicabile come modello anche in altre realtà.
Evidenti, dunque, i risvolti che configurano l’Ortoterapia sociale non solo come un servizio di eccellenza nel territorio, ma anche quale fonte occupazionale per i giovani.

L’Ufficio Stampa
del Parco dei Monti Aurunci

L'ENTE

ATTIVITA' DELL'ENTE

PUBBLICAZIONI

seguici su

 

facebook1 twitter1 googleplus1 youtube1 pinterest1 

instagram1 flikr1 facebook promo

 

servizio civile

 

CTS LIFE 1

 

life go park

 

societa lichenologia

 

mappa

 

logo youtube

esercizi consigliati

Copyright © 2018 parcoaurunci.it Rights Reserved.